Cari Colleghi, lo scorso 28 dicembre è stata pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale l’ordinanza di rimessione (VEDI ORDINANZA A PAG. 9 della Gazzetta) alla Corte Costituzionale,  emessa dal T.a.r. del Lazio, sulla questione della mediaconciliazione “obbligatoria”. Come sapete tutti, l’Associazione degli Avvocati Romani è l’unica associazione forense romana, unitamente ad Agire @ Informare (con unico ricorso redatto per spirito di servizio dai nostri associati Giampiero Amorelli e Dorodea Ciano) ad essere intervenuta per sostenere il ricorso al TAR promosso dall’O.U.A. avverso il regolamento n. 180/2010 applicativo del D. Lgs. 28/2010. Numerosi sono gli articoli e le news presenti sul nostro sito (di agevole consultazione) che illustrano passo per passo tutti i relativi avvenimenti (dalla costituzione all’ordinanza di rimessione) e che contengono tutti gli atti del procedimento. Anche la legge e il regolamento sono consultabili. Da tale giorno (pubblicazione dell’ordinanza) è iniziato a decorrere il termine di venti giorni – che scade il 17 gennaio p.v. – per la costituzione delle parti nel giudizio innanzi alla Corte. La nostra Associazione provvederà a pubblicare nel sito le deduzioni di costituzione che saranno depositate a nome dell’AAR, ma nell’interesse di tutti.  Sarà mia cura informare immediatamente sulla fissazione della data dell’udienza,che dovrà avvenire entro venti giorni a decorrere dalla data di scadenza del termine fissato per la costituzione delle parti (cioè dal 17.1.2012). Ci si auspica che l’udienza e la decisione intervengano in data antecedente all’entrata in vigore della legge per tutte le controversie per cui è stata posta come condizione di procedibilità. Un caro saluto e buon anno a tutti. Avv. Fabrizio Bruni

Cari Colleghi, sono lieto di comunicare che il TAR ROMA ha accolto l’istanza di sospensiva del provvedimento con il quale il Presidente del Tribunale di Roma aveva imposto l’apertura al pubblico ridotta (tre ore) degli uffici giudiziari. Il ricorso era stato proposto da tutti i componenti della Lista Vaglio, di cui mi onoro di far parte (ben menzionati come ricorrenti nell’ordinanza) e da alcuni altri coraggiosi Colleghi ed amici. L’ordinanza (vedi provvedimento) ha una valenza decisoria anche del merito, considerato che indica espressamente la contrarietà ad una norma di legge (art. 162 l. 1196/1960) del provvedimento presidenziale imponendo l’apertura per cinque ore delle cancellerie e segreterie giudiziarie. Sono certo che i Colleghi di tutti i fori che leggeranno questa comunicazione sapranno far buon uso del contenuto di questa ordinanza che il nostro movimento ha saputo ottenere, con perseveranza e competenza. Buon Natale. Fabrizio Bruni

E’ dell’11 febbraio la circolare n. 5 in materia di appalti e subappalti, firmata dal ministro del lavoro Sacconi che, in considerazione del frequente ricorso a processi di esternalizzazione in forza dei quali le imprese e i datori di lavoro affidano intere fasi del proprio ciclo produttivo a soggetti esterni, analizza le principali problematiche che gli operatori incontrano nel ricorrere all’appalto, fornendo chiarimenti per una sua corretta gestione. In grandi linee, le questioni affrontate riguardano i criteri che qualificano un appalto come genuino, gli obblighi di carattere retributivo connessi all’utilizzazione dell’istituto, il valore degli appalti e i criteri di scelta dei contraenti, la responsabilità solidale tra committente, appaltatore ed eventuali subappaltatori, il ricorso alla certificazione, la disciplina in materia di salute e sicurezza del lavoro.